Archivi categoria: EVENTI

Cosa abbiamo fatto e cosa faremo

REFERENDUM: conoscere per decidere

Il presidio LiberaValsangone è lieta di invitarvi ad una serata con la docente di Diritto Costituzionale presso l’università di Torino Anna Poggi per comprendere meglio la riforma Costituzionale che sarà tema del referendum del 4 dicembre.

La serata si terrà presso la Sala Consiliare del comune di Giaveno (via F. Marchini, 2) alle ore 21:00.

img_20161114_213913

21 MARZO 2016

Quest’anno la manifestazione del 21 Marzo, giornata in memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie, si è svolta diffusamente in tutte le piazze d’Italia e noi eravamo presenti a Torino.

La città è stata invasa da giovani di tutto il Piemonte che orgogliosamente marciavano per far si che il ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie arrivasse lontano.

fb_img_1479551384345fb_img_1479551394093fb_img_1479551399624

LUGLIO 2015, GLI EVENTI IN PROGRAMMA

  • Sabato 4/7 : Libera Val Sangone incontra alla Certosa di Avigliana alle ore 16:00 un gruppo di amici, dediti loro stessi al volontariato. Verrà illustrato cos’è LIBERA e le sue attività. Verrà quindi proposto l’acquisto di “VENTI LIBERI” una PASTA prodotta con farine che Libera produce in poderi confiscati e venduti per sostenerne le attività.
  • Venerdì 10/7 : serata per la festa alla Maddalena con Don Gianni cui parteciperà Maria Josè.  In occasione della serata gestiremo un banchetto.
  • Martedì 14/7 : proiezione del film a Giaveno “La nostra Terra” con breve introduzione. Ore 21:00.
  • Sabato 18/7 : Notte bianca a Coazze: gestiremo un banchetto.
  • Martedì 21/7 : proiezione del film a Giaveno “La mafia uccide solo d’estate” con breve introduzione. Ore 21:00.

SPORT IN “SANA” LEGALITA’

Sabato 6 giugno 2015

Sport in “sana” legalità

Purtroppo da molto tempo lo sport, anche quello dilettantistico, é sempre di più diventato luogo di rivalsa sociale, connotato da comportamenti violenti e illegali che niente hanno a che vedere con la corretta pratica sportiva e la formazione fisica, mentale e morale degli atleti. Il ruolo e la responsabilità delle associazioni sportive nella promozione della corretta pratica sportiva è fondamentale per il benessere psicofisico dell’atleta e lo é ancor di più se chi lo pratica è un minore.

Per questo, il Comune di Avigliana, La Sezione Soci Novacoop di Avigliana, L’ASD Avigliana Rugby Club e Il Presidio di Libera Bassa Valsusa “Silvia Ruotolo” in collaborazione con le Associazioni Sportive Aviglianesi propongono una giornata di festa e riflessione su: Sport, Alimentazione e Legalità, dalle 10 alle 18 presso i campi sportivi di Via Suppo 10 ad Avigliana. Il programma della della giornata prevede oltre alle attività di animazione sui temi dell’Alimentazione e della Legalità un ampio programma di promozione delle attività sportive con dimostrazioni e lezioni di prova dentro e fuori il perimetro dei campi sportivi.

programma

“Lo sport é un luogo in cui si condivide tempo e spazio, si cresce e si impara ad essere parte e non comparsa;

ci si mette alla prova;

si condividono regole emozioni;

ci si sente vivi e riconosciuti e che fa emergere aspetti nuovi di sé;

si impara a rispettare gli altri, le loro differenze e le loro unicità;

dove gioire della vittoria e apprendere dalla sconfitta;

nel quale mettere alla prova i propri limiti (fisici, mentali e emotivi) e con gli altri affrontarli.”

LIBERA AL XXV SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

In occasione del XXV Salone del Libro a Torino, LIBERA ha organizzato una serie di incontri con personaggi che in qualche modo lavorano o hanno lavorato per la legalità e combattuto contro ogni forma di ingiustizia.

salone-del-libro-2015

Eccovi il programma:

ARCIPELAGO. MAFIE, ECONOMIA, IMPRESA.
PRESENTAZIONE DELLA COLLANA CURATA DA TANO GRASSO

Giovedì 14 maggio, ore 14.00 presso il Caffè letterario

Partecipanti: Enzo Ciconte, Maurizio De Lucia, Santi Giuffrè, Tano Grasso ed Ivan Lo Bello.

PIO LA TORRE, MIO PADRE. INCONTRO CON FRANCO LA TORRE IN OCCASIONE DELL’USCITA DI “SULLE GINOCCHIA”.

Venerdì 15 maggio, ore 13.00 presso lo Spazio Autori

Partecipanti: Gian Carlo Caselli, Nando Dalla Chiesa, Franco La Torre e Diego Novelli.

 

IL CORAGGIO COME VIRTÙ CIVILE.
INCONTRO CON UMBERTO AMBROSOLI IN OCCASIONE DELLA PUBBLICAZIONE DI “CORAGGIO”.

Venerdì 15 maggio, ore 15.00 presso la Sala Azzurra

Partecipanti: Umberto Ambrosoli, Massimo Giannini e Giovanni Tizin.

 

INCONTRO CON RAFFAELE CANTONE
IN OCCASIONE DELLA PUBBLICAZIONE DE “IL MALE ITALIANO”

Venerdì 15 maggio, ore 16.00 presso la Sala Gialla

Partecipanti: Raffaele Cantone, Gianluca Di Feo e Paolo Mieli.

 

INCONTRO CON MARGHERITA ASTA E MICHELA GARGIULO
IN OCCASIONE DELL’USCITA DEL LORO LIBRO “SOLA CON TE IN UN FUTURO APRILE”

Sabato 16 maggio, ore 15.00 presso lo Spazio Autori

Partecipanti: Margherita Asta e Michela Gargiulio

MAFIA CAPITALE. LE MANI DEL MALAFFARE SULLE CITTÀ.
PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI LIRIO ABBATE E MARCO LILLO: “I RE DI ROMA”

Domenica 17 maggio, ore 11.00 presso l’Auditorium

Partecipanti: Lirio Abbate, Marco Lillo, Marcelle Padovani, Pif e Walter Siti.

Continua la lettura di LIBERA AL XXV SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

21 MARZO 2015: PARTE IL CORTEO DI LIBERA A BOLOGNA

 

BOLOGNA

GRASSO

A Bologna sono decine e decine di migliaia, un lungo corteo – quattro km di distanza dalla testa alla coda – da metà di via Andrea Costa,in zona stadio, fino a piazza Maggiore e poi piazza VIII agosto, per la Giornata contro le mafie. L’associazione Libera stima una partecipazione di 200mila persone (“Il 21 marzo più partecipato”, commenta il coordinatore regionale di Libera Daniele Borghi), una cifra assolutamente attendibile.

11051886_10204023386447305_8661494096813311736_n 11081180_10204908441483872_2227180905122933746_n11066090_10204908444563949_5544060223090031526_n  11082611_10204908443483922_8420882444650542896_n 095127324-5e56fc82-4f2c-4400-a5db-cfc6f806739b AVVISO PUBBLICO   PARENTI
In testa i famigliari delle vittime della mafia, dietro Libera Emilia-Romagna, poi gli studenti e i giovani, da tutta la provincia ma anche dalla Calabria e dalla Sicilia, da Mestre, da Savona, scout laici e cattolici con bandiere e zaini, intere classi delle medie e delle superiori, accompagnate dalle insegnanti, persino dalla Sardegna. Per arrivare in piazza Maggiore c’è voluta più di un’ora, due ore per piazza VIII agosto: ad accogliere lì don Luigi Ciotti centinaia di bambini delle scuole, e semplici cittadini, che lo salutano con un “Grazie don Luigi”. Il presidente del Senato Pietro Grasso arriva e abbraccia i parenti delle vittime; in particolare il padre di un agente ucciso nel 1989, Antonino Agostino: Vincenzo, sempre presente alle manifestazioni di Libera, ha 86 anni e una lunga barba, che, ribadisce, si taglierà solo quando avrà giustizia per il figlio. In piazza VIII agosto, piena all’inverosimile, in un silenzio surreale, mentre la gente è con gli occhi chiusi, inizia la lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie, delle stragi e del terrorismo, mentre ancora in migliaia scorrono in via Indipendenza. Dal palco di piazza VIII agosto prende la parola, a nome di tutti i famigliari colpiti da un lutto per mano della mafia, Margherita Asta, che ha perso la madre e i fratelli nella strage di Pizzolungo: “Questa piazza chiede un salto di qualità alla politica. Ogni giorno sia il 21 marzo”.

PACE

Don Luigi Ciotti è arrivato allo Stadio verso le 9, dopo che i pullman avevano portato i parenti delle vittime, seicento, che con dignità alzano i cartelli, portano le foto dei loro cari, in silenzio chiedono giustizia e verità. “Non è più possibile andare avanti così, con mezze leggi o leggi di compromesso. Su corruzione e falso in bilancio occorrono leggi più determinate: corruzione e mafia sono due facce della stessa medaglia, lo dicono qui migliaia di giovani. Siamo qui – prosegue don Ciotti – non per commemorare ma per graffiare dentro le coscienze di tutti”. Dal palco di piazza VIII agosto, indirizzato ai politici: “Introducete il reddito di cittadinanza, cancellate il vitalizio ai deputati e senatori condannati in via definitiva per mafia e corruzione”, e avverte: “Libera è libera, nessuno la strumentalizzi o la usi, ma sia ben chiaro che ogni lotta per la giustizia sociale ci vedrà al fianco di chi ci mette la faccia”.

10003954_10204908442123888_8476693748163272733_n

Le uniche bandiere sono quelle di Libera, sventolate o portate addosso come scialli. Gli scout portano uno striscione arcobaleno della pace, lungo dieci metri. Viali bloccati, i pullman parcheggiati ai lati, corrono i ragazzi delle scuole. Dalle finestre la gente lancia fiori e petali sul corteo, saluta e applaude. “Oggi Bologna è la capitale dell’antimafia, ma è anche la capitale di un no deciso alla criminalità organizzata e alla corruzione”, commenta il sindacoVirginio Merola. “Oggi deve essere un momento di svolta nella vita civile del nostro paese”. Stefano Bonaccini, governatore della Regione, abbraccia il popolo di Libera: “Questa è la nostra regione, una terra che in questi giorni apre le braccia per accogliere un popolo che, come dice il carissimo don Luigi Ciotti, con la sua partecipazione vuole dire con chiarezza da che parte sta. “C’è un pezzo rilevante dell’Italia che scommette sull’onestà, sulla legalità e la voglia di dire che c’è un paese che sa reagire”. Per Romano Prodi è “una bella giornata, spero per tutta l’Italia, non solo per Bologna. Spero che aiuti le coscienze perché la lotta alla mafia va fatta tutti i giorni. E’ uno dei cortei più belli visti a Bologna”.

di ELEONORA CAPELLI e ILARIA VENTURI

(La Repubblica )

GIAVENO, LETTURA DEI NOMI DELLE VITTIME INNOCENTI DI MAFIA

La manifestazione in ricordo delle vittime innocenti di mafia preparata con il patrocinio del Comune e con il coinvolgimento delle scuole ha avuto un buon successo di partecipazione. Di questo siamo contenti augurandoci sempre più una sentita partecipazione e condivisione dei principi di solidarietà  di  LIBERA, affinchè LA VERITA’ ILLUMINI LA GIUSTIZIA.

Vi riportiamo alcune foto:

11060030_788567737906725_1156159914441022599_o

10911345_788574107906088_5792889155847539452_o

2015-03-20 10.54.30

La piazza è pronta, i ragazzi arrivano

2015-03-20 11.15.16

Si inizia con un minuto di silenzio per le vittime dell’attentato di Tunisi

2015-03-20 11.00.16

2015-03-20 11.15.55

2015-03-20 11.24.22

Continua la lettura di GIAVENO, LETTURA DEI NOMI DELLE VITTIME INNOCENTI DI MAFIA

VERSO IL 21 MARZO A GIAVENO: “La verità illumina la giustizia.”

avvisopubblico_libera_21marzo2015_banner

“La verità illumina la giustizia” questo è lo slogan scelto per la XX giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia, promossa da Libera, che quest’anno ha scelto la città di Bologna per ospitare questo importante incontro annuale.

La Giornata della Memoria e dell’Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie: più di 900 nomi di vittime innocenti, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perchè, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere.

Oltre che le vittime innocenti delle mafie, quest’anno verranno ricordate, in accordo con le associazioni dei famigliari , le vittime della strage del 2 agosto della Stazione di Bologna e le vittime della strage di Ustica, per le quali ricorre il 35esimo anniversario. 

Anche i presidi “Silvia Ruotolo” della Bassa Val di Susa e “Don Pino Puglisi” della Val Sangone si sono preparati  a celebrare questo importante momento, organizzando eventi pubblici e incontrando i ragazzi delle scuole del territorio, con lo scopo di favorire la nascita di  una cultura che rifiuti le scorciatoie e i compromessi ma si adoperi per la ricerca della verità : festeggiare il 21 marzo, infatti, non deve trasformarsi in una vetrina per chi vi aderisce, ma deve essere l’occasione per ribadire un impegno che si concretizza tutti i giorni nelle azioni che si mettono in campo come semplici cittadini e ancora di più in veste di amministratori e politici.

Don Luigi Ciotti esprime molto bene questo concetto invitandoci a riflettere sul fatto che “abbiamo il dovere di riconoscere un’ingombrante e scomoda verità e cioè che le mafie sono presenti perché glielo abbiamo permesso. La mafia è così pericolosa anche per il nostro parlare a vuoto, il nostro promettere e non fare, il nostro immobilismo. La prima mafia da eliminare, è la mafia delle parole”

Le vittime innocenti di mafia hanno pagato con la loro vita il coraggio della testimonianza e della coerenza, non limitandosi a promettere e a parlare a vuoto e soprattutto non restando immobili.

Ecco perchè la lettura dei loro nomi non deve limitarsi ad uno sterile esercizio di memoria: ricordarli significa assumersi pubblicamente l’impegno di seguirne l’esempio, ognuno per quello che può, significa non dimenticare che dietro questi nomi ci sono sofferenze che continuano ancora oggi, come di nuovo ci ricorda Luigi Ciotti: “Non si devono dimenticare i “morti vivi” della mafia, coloro che vivono senza sapere la verità, come i familiari delle vittime, coloro che hanno assistito alle stragi, portando con sé un ricordo e una sofferenza incancellabili, coloro che sono privati della propria libertà perché testimoni di giustizia. Rispetto a un tempo le mafie uccidono di meno, lasciano meno morti sulle strade. Non per sopraggiunti scrupoli morali, ma perché hanno capito che la violenza nuda e cruda è meno efficace dell’utilizzo di altri canali. Sono diminuiti i morti ammazzati, sono aumentati i “morti vivi”.

Per permettere a chi lo desidera di partecipare alla manifestazione di Bologna, i presidi “Silvia Ruotolo” e “Don Pino Puglisi” anticiperanno la celebrazione a venerdì 20 marzo:  a Buttigliera alle ore 17 in via Reano 3 davanti al Municipio, la lettura dei nomi avverrà in collaborazione con le scuole;; a Giaveno alle ore 11 in Piazza S. Lorenzo la manifestazione si svolgerà con il patrocinio del Comune e in collaborazione con le scuole locali.

Impegnarsi per arrivare alla verità che illumina la giustizia è l’invito che Libera rivolge a tutti per non vivere il proprio tempo con rassegnazione ma come attori impegnati in prima fila nella difesa della legalità.